Questa Rai è peggio di sempre

-di Riccardo Bocca, Gruppo Espresso-

Pressioni continue. Spot censurati. Un clima irrespirabile che continuava da settimane. E il consiglio di amministrazione della Rai che a pochi giorni dalla messa in onda blocca “Parla con me”. Le accuse di Serena Dandini

E’ a rischio “parla con Me”, il programma di Serena Dandini che doveva riprendere la prossima settimana. Nella riunione che doveva decidere sulla trasmissione infatti il cda della Rai non ha raggiunto il numero legale, poiché non hanno partecipato alla riunione i consiglieri di maggioranza (Verro, Rositani, Gorla, Petroni, Bianchi Clerici). “Senza contratto non possiamo andare in onda”, dicono dalla redazione di Parla con me e ora si attende un pronunciamento dell’azienda. “Parla con me” dovrebbe partire martedì prossimo e lunedì era prevista la conferenza stampa di presentazione del programma. “L’espresso” domani in edicola pubblica questa intervista con Dandini, realizzata prima che il cda Rai mettesse a rischio il programma

Come niente fosse successo. Come se durante la scorsa stagione televisiva il centrodestra non l’avesse martellata di critiche. Come se Silvio Berlusconi, in Consiglio dei ministri, non l’avesse accusata di abusare dei denari pubblici per realizzare un programma che “si diletta ad avere come unico bersaglio il governo”. Come se, soprattutto, il direttore generale della Rai Mauro Masi non avesse ipotizzato di ridurre “Parla con me” a un sola serata settimanale. Attacchi superati, quasi per magia. Sorridente, appena gratificata dal Premio satira politica Forte dei Marmi, carica di sarcasmi tra una sigaretta e l’altra, Serena Dandini torna infatti dal 28 settembre nella seconda serata di RaiTre. Dal lunedì al venerdì: esattamente come l’anno passato. Sempre al fianco della zanzara comica Dario Vergassola. E allora viene da chiedere: è lei, Dandini, a essere molto protetta, o sono incapaci i suoi detrattori?
“Diciamo che in questa fase i miei avversari sono concentrati su altro, vedi Gianfranco Fini e dintorni. E diciamo anche che la Rai è un’azienda contraddittoria: da un lato la Sipra (la concessionaria di pubblicità, ndr.) mi ringrazia per lo share medio del 9 per cento conquistato da “Parla con me”. Dall’altro, i vertici Rai mi trattano come Cenerentola. Se si aggiunge che il capo di RaiTre, Paolo Ruffini, e il direttore generale Masi si parlano giusto tramite i quotidiani, capite quant’è pesante lavorare qui dentro…”.

“Il Giornale” ha scritto di lei: “Dandini vive sfruttando l’immagine di personaggio scomodo e osteggiato”.
“Sarei grata al “Giornale” se potesse intercedere per evitare che venga osteggiata. Perché essere osteggiati è una mostruosa perdita di tempo: significa faticare per ottenere tutto, anche un paio di scarpe, una parrucca, un’autorizzazione… Sono tanti i modi, per logorarti i nervi”.

Ad esempio? In Rai le hanno mai censurato una frase, una battuta, un concetto?
“Ci siamo andati molto vicino quando abbiamo annunciato in conferenza stampa la sitcom “Lost in wc”, quella con le ragazze nei bagni di palazzo Grazioli. Giravano voci sgradevoli, in quei giorni…”.

Un po’ poco, per gridare al regime.
“Infatti: io non ho mai parlato di regime, nell’accezione tradizionale. Parlo di un clima asfittico che toglie la voglia di fare, di un’atmosfera intimidatoria che non giova alla creatività”.

La celeberrima cappa sulla Rai.
“Che ora è peggio di sempre. Una volta la politica si accontentava di piazzare i suoi uomini di fiducia ai vertici, adesso il virus cancella la meritocrazia fino all’ultima figura”.

A proposito: con il direttore generale Masi come va? Vi siete incontrati, chiariti?
“Sì. Mi ha detto che ha seguito alcune puntate di “Parla con me”, e che gli sono piaciute”.

Masi ha dichiarato tutt’altro, quest’estate: “Ero perplesso, ma Dandini mi ha convinto che farà un programma un po’ diverso”.
“Infatti… (ridacchia). Sarà un programma diverso. Nel senso che Andrea Rivera, per dire, invece di fare le sue famose interviste al citofono nella Capitale, andrà anche in altre città…”.

Lei scherza. Ma perché, in tempi di cinismo totale, la satira fa ancora imbestialire la classe politica?
“Perché è viva, a dispetto di tutto e tutti. Resiste anche se i giovani autori preferiscono evitarla: sanno che faticherebbero troppo, a imporla in tv. Eppure ce ne sarebbero, di spunti irresistibili…”.

Fonte: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/questa-rai-e-peggio-di-sempre/2134809

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, dai quotidiani, Informazione, Le nostre battaglie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...