Processi tv: perché per Sara Scazzi sì mentre per i parlamentari no?

-di Maurizio Frigeri-

Programmi e processi in Tv. Non sia mai che nei tg, nei talk show o nei dibattiti politici, in Rai come a Mediaset, vengano diffuse intercettazioni e interrogatori. La schiera politica parlerebbe di processi mediatici. Non sia mai che i suddetti programmi discutano sulle beghe giudiziarie dei rappresentanti del popolo. Si griderebbe all’ingiustizia senza contraddittorio. In questi giorni, e da settimane, sul delitto Scazzi si racconta di tutto e di più (e si pubblicano persino gli interrogatori). Di Sabrina sappiamo veramente tutto, addirittura di cosa legge in carcere (libri comici). Eppure nessuno, dal Parlamento, ha gridato ai processi televisivi e alle condanne ancor prima delle sentenze (una rivista settimanale pubblicava in prima pagina la foto di Michele Misseri, e il titolo “Il Mostro”). Sempre della serie: due pesi e due misure.

http://www.liberacritica.it/

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Giustizia, I vostri articoli, Informazione, Le nostre battaglie e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...