“Dopo otto ore ti vibra pure il cervello”, la catena di montaggio spiegata ai politici

Numeri, parole, slogan, dichiarazioni. C’è chi tifa per il Sì e chi per il No. Ma come e dove lavora un operaio? Cos’è una catena di montaggio? E quali effetti concreti producono i punti di un accordo su chi vi lavora? Orari, retribuzione, malattia, pause. In questo breve testo un’operaia spiega in modo semplice e immediato cosa significa ridurre (come prevede l’accordo Fiat) i tempi della pausa.

Spesso, quando sei su una catena di montaggio, usi dei cacciavite a vibrazione che hai sopra la testa per avvitare le macchine che scorrono in continuazione (naturalmente); magari ti cade l’olio di lubrificazione addosso, e non è che te ne puoi andare in giro quando vuoi neppure per pisciare(scusate il francesismo). In quei 10 minuti devi racchiudere pausa caffè, sigarettina se fumi e pure il bagno a meno che non hai il foglio del medico e ti porti un catetere dietro: anche perché la linea non si ferma per te e c’è un jolly che ti dà il cambio per quei dieci minuti. E tu stai tutto il giorno li, non è che cambi postazione, e poi dopo otto ore ti vibra pure il cervello con questi cacciaviti (ma sai quante malattie professionali non vengono riconosciute)? Troppo ci sarebbe da dire. Mandateci il presidente operaio a “lavorare” in catena di montaggio.

Sonia Benetti

Fonte: http://violapost.wordpress.com/2011/01/13/dopo-otto-ore-ti-vibra-pure-il-cervello-la-catena-di-montaggio-spiegata-ai-politici/

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, I vostri articoli, Lavoro, Le nostre battaglie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Dopo otto ore ti vibra pure il cervello”, la catena di montaggio spiegata ai politici

  1. Cristian ha detto:

    Ritieniti fortunata io per andare a pisciare devo chiedere il permesso al capo e non posso stare in bagno più di 3 minuti altrimenti vengo richiamato.Sul posto di lavoro non viene rispettato il divieto di fumo ed ho dovuto ricorrere ad un esposta al ministero della salute che i è costato il trasferimento in un posto di lavoro dove sono obbligato a sollevare pesi fino a 50 kg quando ho consegnato la carta del medico che mi esonera dal sollevare più di 15 kg e quel figlio di puttana del medico del lavoro è consapevole della cosa e fa finta di nulla perchè l’azienda lo paga per star zitto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...